disturbi-adulto

Disturbi dell’adulto

L’obiettivo di ogni percorso terapeutico è quello di rendere la persona in grado di attuare una profonda riflessione sul Sé attraverso una rinnovata capacità di mettersi in discussione al fine di raggiungere una più completa e complessa consapevolezza del proprio vissuto interiore a partire da difficoltà quotidiane (stress, ansia, attacchi di panico, tristezza cronica, insicurezza) o da condizioni momentanee (distacco dalla famiglia d’origine, crisi d’identità di genere, incapacità relazionale con l’altro sesso, perdita del lavoro, fase del pensionamento). Non si tratta di una trasformazione superficiale, limitata al semplice apprendimento di nuove informazioni o di nuove tecniche, ma di un cambiamento sostanziale a livello sia del pensiero che dell’azione.

Attraverso la relazione terapeutica si arriva ad essere in grado di interrogarsi e mettersi in gioco in modo nuovo; grazie all’esperienza di fiducia che viene a crearsi con il terapeuta, il cliente arriva a costruirsi un’esperienza di relazione e con essa una diversa modalità di rapportarsi agli altri, favorendo il senso di autonomia e l’attivazione di nuove risorse anche in altri contesti e in diverse situazioni. Si parla di psicoterapia sistemica individuale perché la persona ricapitola in sé le regole del sistema di cui fa parte ossia la Famiglia di Origine e tende a riprodurre nelle relazioni significative e durevoli la stessa relazione che ha con il proprio sistema familiare di appartenenza.

Ogni persona si comporta in maniera differente in base ai contesti di riferimento, in base ai ruoli che ricopre ed in base alle emozioni coinvolte in ogni relazione. Per capire la complessità dell’individuo, per entrare nella sua “scatola nera”, per indagare i rapporti tra comportamenti, azioni, emozioni e modi di relazionarsi e vedere come si sono modificati nel tempo, il terapeuta ha la necessità di una ricostruzione storica basata su tre generazioni.

In quest’ottica, la famiglia diventa un’importante fonte di informazioni e la persona ha bisogno di riflettere sulla propria storia per trovare o meglio ritrovare il senso di alcune importanti esperienze emozionali e di alcuni personali stili automatici di relazione.