conflittualita-familiari

Conflittualità familiari

L’approccio Sistemico – Relazionale pone l’attenzione sulle modalità delle relazioni che ogni individuo sviluppa all’interno del suo ambiente e con le persone che fanno parte di esso. L’ambiente in cui queste relazioni si sviluppano rappresenta il Sistema di appartenenza. Gli appartenenti ad un sistema sono collegati tra di loro da una rete di comunicazioni, verbali e non, in base alle quali si possono sviluppare relazioni funzionali o disfunzionali, da cui può trarre origine il benessere o il malessere di chi vi appartiene. L’analisi dei ruoli e delle modalità di comunicazione interne al sistema aiuta a vedere il disagio psicologico in una differente prospettiva ed apre la strada a nuove possibili soluzioni.
La famiglia si presenta come una forma particolare di piccolo gruppo, caratterizzato dalla propria specifica storia passata e connessa con trasformazioni relative sia agli eventi provenienti dall’esterno, cioè il contesto, che dall’interno, ovvero i cambiamenti dei singoli individui. Nel corso del ciclo di vita, la famiglia incontra inevitabilmente i cosiddetti eventi critici, cioè momenti di discontinuità nella vita familiare vissuti come stressanti e che impongono una riorganizzazione. Per ciascuna fase vengono individuati i processi di transizione e i cambiamenti strutturali che consentono il passaggio allo stadio successivo. Se il sistema familiare non riesce a riorganizzarsi intorno ai compiti di sviluppo richiesta da ognuna di queste fasi, molto probabilmente strutturerà un disagio che, nel tempo, potrebbe cristallizzarsi e sfociare in una profonda crisi familiare.
Tra gli eventi stressanti imprevedibili rientrano la morte di un membro della famiglia, problemi di salute in famiglia, conflittualità tra genitori, rottura della famiglia a causa di separazione, divorzio o allontanamento, trasferimento di casa, secondo matrimonio di un genitore, famiglie allargate e ricomposte, abuso sessuale o fisico, disaccordo coi fratelli.